D’Attis: “ora attendiamo che la Commissione, il Consiglio e il Parlamento europeo includano le nostre proposte nell’annuncio di Göteborg”

0
21
Mauro D’ATTIS

L’istituzione di un pilastro europeo dei diritti sociali dovrebbe promuovere un’Europa sostenibile e inclusiva, rafforzare la lotta contro le disuguaglianze sociali e regionali e contribuire alla creazione di un’economia sociale di mercato, afferma il Comitato europeo delle Regioni in un parere adottato nella sua sessione plenaria di oggi.

Il pilastro europeo dei diritti sociali, proposto dalla Commissione europea, è basato su 20 principi con l’obiettivo di garantire pari opportunità e accesso al mercato del lavoro, condizioni di lavoro eque, protezione sociale e inclusione. Il parere elaborato da Mauro D’Attis (IT / PPE) sottolinea che la politica di coesione economica, sociale e territoriale, quale una delle politiche dell’UE più importanti e complete, deve svolgere un ruolo fondamentale nel sostenere la graduale attuazione di un’agenda sociale europea in cui la competitività e la giustizia sociale si completano. Particolare importanza dovrebbe essere data alle azioni mirate a garantire un futuro migliore per i giovani.

“Tenuto conto dell’incremento della disoccupazione giovanile e del crescente numero di persone a rischio di povertà negli ultimi anni, il pilastro europeo dei diritti sociali deve servire a rendere l’Europa più coesa e più reattiva alle esigenze dei cittadini. Si tratta di un impegno e di una responsabilità condivise tra l’Unione, i suoi Stati membri, gli enti locali e regionali e le parti sociali. La politica di coesione, quale principale politica d’investimento a lungo termine dell’UE, deve contribuire a questi obiettivi come espressione di solidarietà europea ” afferma il relatore D’Attis.

Maria João Rodrigues, membro del Parlamento europeo, vicepresidente del gruppo S & D e relatore per il pilastro europeo dei diritti sociali, ha dichiarato: “Considero le regioni all’avanguardia nell’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali perché le regioni rispondono ai problemi quotidiani dei cittadini fornendo servizi per l’impiego, accesso alla protezione sociale, assistenza sanitaria e assistenza a lungo termine “.

Garantire i salari che evitano la povertà nel lavoro, che assicurano un livello di vita dignitoso e che siano in linea con la produttività sono tra le raccomandazioni del Comitato, sebbene le rispettive pratiche e legislazioni degli Stati membri debbono essere rispettate. Il parere favorisce anche la proposta del governo italiano di un sistema europeo di assicurazione contro la disoccupazione e sottolinea che l’Unione europea e gli Stati membri devono collaborare per assicurare le risorse finanziarie necessarie per l’attuazione del pilastro dei diritti sociali.

La Commissione e il Consiglio sono invitati a introdurre misure incentivanti per i paesi che attuano le riforme volte a raggiungere gli obiettivi sociali dell’Europa 2020 e la lotta contro gli squilibri sociali. Inoltre, occorre introdurre una serie adeguata di strumenti per misurare e monitorare i progressi compiuti, nonché per valutare le disparità subnazionali. Il parere esige anche una maggiore attenzione sull’integrazione efficace dei rifugiati, dei minori non accompagnati e degli immigrati legalmente residenti, anche attraverso l’istruzione e la formazione professionale.

“Ora attendiamo che la Commissione, il Consiglio e il Parlamento europeo includano le nostre proposte nell’annuncio di Göteborg”, ha affermato il relatore D’Attis, riferendosi al Vertice sociale per il lavoro equo e la crescita che si terra’ a Göteborg il 17 novembre. Le regioni e I comuni sono state invitate a partecipare insieme ad altre istituzioni dell’UE, ai capi di Stato e di governo, alle parti sociali e agli attori della società civile.

 

 

CONDIVIDI