Immigrazione come risorsa, l’Aperitivo Africano e gli altri eventi di Sinistra per Brindisi a favore di nuove politiche per l’integrazione

0
12

Nel mese di ottobre, per due domeniche consecutive, presso la Casa della Sinistra in via porta Lecce, 134, sono proseguiti gli eventi culturali organizzati da Sinistra per Brindisi.
Il primo ottobre è stata la volta delle sonorità mediterranee di Sudor’Orchestrà, mentre domenica 8 cibo e musica con l’Aperitivo Africano.
Balli, danze collettive, canti, si sono alternati a riflessioni sui temi dell’economia e dell’immigrazione e ad assaggi di pietanze preparate dai volontari delle varie nazionalità africane, in collaborazione con le operatrici e gli operatori dello SPRAR di San Pietro.
Gli immigrati regolari sono quattro milioni e producono il 10% del PIL, che equivale alla spesa sanitaria nel bilancio statale italiano.
Pensiamo che l’immigrazione sia una risorsa che gli stati hanno il dovere di governare con delle regole precise nell’interesse della popolazione locale e degli stessi immigrati. Regole che però devono essere accompagnate da serie politiche per l’integrazione.
Cerchiamo di favorire questo processo anche con la conoscenza di colori, sapori, odori, parole, suoni e ritmi, culture. Cambiano a ogni latitudine e longitudine ed è sempre una scoperta utile a tutti!
La valorizzazione delle diversità accompagna l’integrazione, l’incontro e la conoscenza abbattono muri e luoghi comuni.
Quando ti specchi in altri occhi, non ti preoccupi di sapere da dove vengono quegli occhi, ma solo di scoprire un pensiero, un’emozione, un’idea in comune, qualcosa da fare insieme, per un pomeriggio o un tempo indefinito.
Solo la conoscenza può avvicinare culture diverse, nel nostro piccolo sappiamo che abbiamo dato un piccolo contributo all’integrazione, vedendo ballare insieme, la scorsa domenica adulti e bambini, giovani e meno giovani, senza distinzione di colore, etnia e credo religioso.