Le ricette della domenica: le orecchiette della nonna

0
99

Il piatto di questa settimana affonda le proprie radici nella tradizione pugliese e ci riporta alla memoria odori e sapori di una cucina semplice e genuina; per questo motivo la ricetta che vi propongo è presa direttamente dal libro di ricette della nonna.
Discostandomi dall’immaginario collettivo del binomio orecchiette-cime di rapa, ho deciso di preparare un piatto più classico che accontentasse tutti i palati.

Ingredienti
• 200 gr di acqua tiepida
• 400 gr di farina di semola di grano duro rimacinata
• Sale q.b.

Procedimento

Prendiamo la nostra spianatoia e versiamo la farina di semola di grano duro rimacinata formando una fontana e aggiungiamo un pizzico di sale.
Pian piano versiamo l’acqua incorporando la farina un pò alla volta e iniziamo a lavorare con le dita in modo che si assorba.
Continuiamo a impastare (ma questa volta con le mani) per una decina di minuti circa, fino ad ottenere una consistenza omogenea ed elastica. Formiamo una palla e copriamola con un canovaccio lasciandola riposare per circa un quarto d’ora a temperatura ambiente.

Passato il tempo di riposo, preleviamo un pezzo di impasto e lo lavoriamo leggermente; successivamente formiamo un filoncino spesso approssimativamente 1 cm e ricaviamone dei pezzettini grandi 1 cm.
Ricordandoci di tenere la spianatoia sempre leggermente infarinata, con l’aiuto di un coltello a lama liscia formiamo delle conchigliette: prendiamo il tocchetto di pasta e posizioniamo il coltello orizzontalmente, trascinando ciascun pezzetto verso di noi. Rigiriamo la conchiglia su se stessa aiutandoci con il pollice in modo da formare l’orecchietta. Continuiamo fino a terminare l’impasto.

Prima di cuocere (per 5 minuti in acqua salata) le nostre orecchiette, disponiamole su un vassoio precedentemente spolverato con la farina di semola e lasciamole asciugare scoperte per un paio d’ore.

Una volta cotte le condiamo con un gustoso sugo di pomodoro fresco e serviamo con una spolverata di cacioricotta.

Bon appétit

– Ilaria Lenzitti –

Consigli

• Se avanzano, possiamo seccare le orecchiette coperte con un canovaccio asciutto e successivamente potremo conservarle per circa un mese.
• Se avanzano, possiamo congelare le nostre orecchiette su un vassoio, disponendole ben distanziate, e una volta irrigidite in freezer, trasferirle in sacchetti più comodi per la conservazione.