Aisla, assegno di cura in Puglia: ultimo appello

Nella giornata di martedì 6 febbraio AISLA ha ribadito all’assessore Ruggeri del Welfare, unitamente a tutte le associazioni dei disabili gravissimi costituenti il tavolo tecnico regionale del Fondo per la Non Autosufficienza, il proprio disappunto sia in merito al blocco dei fondi che ai tempi della comunicazione della lista degli aventi diritto.

0
19

Condividiamo con la nostra comunità la forte preoccupazione in merito all’erogazione da parte di Regione Puglia dell’assegno di cura che – nonostante la determina n.13 del 25 gennaio u.s. – da 7 mesi ormai è purtroppo ancora ferma.

Nella giornata di martedì 6 febbraio AISLA ha ribadito all’assessore Ruggeri del Welfare, unitamente a tutte le associazioni dei disabili gravissimi costituenti il tavolo tecnico regionale del Fondo per la Non Autosufficienza, il proprio disappunto sia in merito al blocco dei fondi che ai tempi della comunicazione della lista degli aventi diritto. Non solo è inaccettabile lasciare senza sostegno economico famiglie già duramente provate da una malattia devastante come la SLA ma, da nostre informazioni, ci risulta che gli attuali criteri andranno ad escludere diverse famiglie SLA.

Al termine dell’incontro la Regione si è impegnata a garantire equità di accesso a tutti gli effettivi aventi diritto, fissando un nuovo appuntamento per martedì 13 febbraio.

Visti i ripetuti incontri e confronti protratti in questi mesi, confidiamo in tale data per la risoluzione dei problemi condivisi evitandoci, così, azioni di protesta più significative e forti.

CONDIVIDI