Servizio integrazione scolastica del Comune di Brindisi, prosegue lo stato di agitazione del personale impiegato

0
36

Di seguito la nota giunta in redazione dalle segreteria dei sindacati che stanno gestendo lo stato di agitazione del personale di servizio integrazione scolastica del Comune di Brindisi:
“Continua lo stato di agitazione del personale impiegato nel servizio di integrazione scolastica del comune di Brindisi.
La manifesta volontà del Commissario Prefettizio Santi Giuffre’, a non voler incontrare in prima persona le OO.SS. ed una delegazione di genitori di alunni diversamente abili al termine della partecipata manifestazione del 07.02.2018 e chiarire, con documentazione alle mani, le dichiarazioni rilasciate nella conferenza stampa del 06.02.2018, hanno indotto le scriventi, ad inoltrare formale richiesta di incontro al Sig. Prefetto di Brindisi.
Una richiesta legittima, riteniamo, anche al fine di evitare demagogiche strumentalizzazioni di chi, ipotizza, che la frettolosa conferenza stampa convocata dal Commissario Prefettizio, tra l’altro, senza atti di gara o accordi sindacali da esibire comprovanti la fondatezza delle proprie dichiarazioni, avesse come unico obiettivo, quello di bloccare la manifestazione di piazza prevista per il giorno seguente.
Noi continuiamo a sostenere che le somme impegnate dall’Ambito Br1, nel Bando di gara per il Servizio di integrazione scolastica, determineranno tagli sia assistenziali che occupazionali.
Attendiamo fiduciosi, nel breve, la convocazione del Sig. Prefetto, con la presenza al tavolo del Commissario Prefettizio del Comune di Brindisi, diversamente, organizzeremo ancora una volta una manifestazione di protesta con un sit-in sotto la Prefettura di Brindisi il giorno 27.02.2018.
Chiediamo – chiarezza e trasparenza della pubblica amministrazione –
Noi non ci fermeremo – lo dobbiamo a tutti gli studenti diversamente abili a cui garantire il diritto allo studio, alle loro famiglie ed ai 98 lavoratori coinvolti”.