VIDEO/Francavilla Fontana, notte folle di un 48enne, arrestato dopo danneggiamenti e due rapine

0
43

Nel cuore della notte tenta prima una rapina nei confronti di 47enne della città degli imperiali con l’intento di impossessarsi del telefono cellulare non riuscendo successivamente danneggia le vetrine di una profumeria e di un negozio di calzature e poi, non contento, e armato di un sasso con il volto coperto da una sciarpa compie una rapina nel bar “Jolly” in via di Castri dove porta via il cellulare della barista presente e poi sradica la cassetta del registratore di cassa con i soldi all’interno.
Il tutto viene immortalato dalle telecamere e l’uomo, il 48enne francavillese Gianluca Fusco rintracciato dopo pochi minuti dai Carabinieri  viene tratto in arresto per tentata rapina, rapina aggravata e danneggiamento.
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Francavilla Fontana lo hanno quindi  tratto in arresto in flagranza di reato di rapina  del luogo.
Dagli accertamenti effettuati al fine di ricostruire la vicenda è emerso che l’uomo poco dopo la mezzanotte ha tentato una rapina nei riguardi di un 47enne del luogo, spintonandolo e minacciandolo con l’intento di impossessarsi del telefono cellulare, non riuscendo nell’intento per la pronta reazione della vittima. Successivamente ha danneggiato le vetrine di due attività commerciali, una profumeria e un negozio di calzature. Infine verso le ore 04.40 travisato in volto con una sciarpa di colore chiaro è entrato all’interno del bar “Jolly” di Francavilla Fontana in via Capitano di Castri e minacciando la cassiera con un sasso si è impossessato della cassa contenente la somma di 20€ e del telefono cellulare della donna. Le immediate ricerche a seguito dell’allarme lanciato dalla parte offesa hanno consentito di rintracciare per le strade di Francavilla il Fusco che vagabondava, trovato in possesso del telefono cellulare asportato poco prima. Nel corso delle ricerche è stata rinvenuta anche la cassa strappata con violenza dal bancone del bar e il sasso utilizzato quale arma. L’arrestato espletate le formalità di rito è stato associato nella casa circondariale di Brindisi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.