Domenica 25 novembre a Palazzo Granafei Nervegna il convegno “Una mamma per Amica-emarginazione nell’autismo”

0
28

Si svolgerà domenica 25 novembre 2018, ore 17.30 presso la sala Universitaria di Palazzo Granafei Nervegna, il convegno “Una mamma per Amica-emarginazione nell’autismo”, organizzato dall’Associazione dei bambini autistici, “Il bene che ti voglio”, da Impresa Mamma, nuova realtà ormai consolidata sul territorio pugliese e l’associazione Med project, Ente di progettazione sociale.

Il convegno mira a sensibilizzare sul tema dell’autismo visto dal punto di vista della mamma del bambino autistico, che spesso si sente emarginata dalla società e ha difficoltà a relazionarsi con le altre mamme, chiudendosi  nella propria quotidianità e nel proprio io,  cadendo spesso in forme di depressione o di  rabbia nei confronti del mondo esterno, rimanendo intrappolate in quel loro mondo dell’ “Io vorrei”, a cui non seguirà mai una risposta.

Nasce così, il Progetto “ Una Mamma per Amica”, con l’obiettivo di intervenire in aiuto di tutte le mamme che vivono questa particolare situazione e  realizzare un programma di inclusione sociale della mamma del bimbo autistico, attraverso delle attività di coinvolgimento e di integrazione con le altre mamme.

Lo stesso progetto sarà elaborato dall’Ente Med Project e messo in pratica da Impresa Mamma che ormai conta sul territorio migliaia di mamme iscritte e numerose convenzioni con professionisti di alto livello, pronti a supportare l’iniziativa.  

L’Avv. Francesca Bottazzi ( Pres. Impresa Mamma) l’Avv. Alessandra Cuppone (Pres. Med Project) ed il Dott. Alessandro Cazzato (Pres. “Il bene che ti voglio”), si dicono soddisfatti del lavoro che si sta portando avanti e soprattutto del calore di tutti coloro che hanno deciso di partecipare e di dare un loro contributo personale e associativo a questa bellissima iniziativa, che si ringrazieranno via via in corso d’opera.

Al convegno interverranno la scrittrice Teresa Antonacci , la psicologa e psicolinguista Anna Lerna,  e l’attore/doppiatore Marco Vivio testimonial del progetto.

Si invitano le istituzioni, le associazioni e la cittadinanza tutta a partecipare.