Oggiano (FdI): “Sindaco Rossi e la sua maggioranza hanno condiviso quando in passato contestavano”

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Massimiliano Oggiano - Fratelli d'Italia su Programma triennale opere pubbliche 2019/2021 Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico meridionale

0
4

In data 19 ottobre c.a. il Comitato di gestione dell’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale ha approvato il Programma triennale opere pubbliche 2019/2021. Il Comune di Brindisi rappresentato all’interno del Comitato dall’ing. Cuomo ha espresso parere favorevole (quindi con pieno mandato del Sindaco) senza che il Consiglio Comunale e/o la Commissione Consiliare Urbanistica fossero quanto meno notiziati di quanto previsto nel Programma in questione.

Apprendiamo invece che la giunta ed il Sindaco sono stati adeguatamente informati avendo partecipato a degli incontri dedicati con la presenza dei massimi vertici dell’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale i quali hanno illustrato nel dettaglio tutti gli interventi che vedranno interessato il porto di Brindisi nel triennio 2019/2021con le relative fonti di finanziamento. Prendiamo atto quindi che per il Comune di Brindisi e quindi per il Sindaco e la sua maggioranza il Programma triennale opere pubbliche 2019/2021 dell’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale rappresenta uno strumento di pianificazione di opere, infrastrutture ed investimenti pertinenti e compatibili con l’idea di Città che gli stessi hanno propugnato in campagna elettorale.

Peccato però che alcuni di questi interventi, vedi i lavori di ammodernamento e manutenzione delle infrastrutture portuali della stazione navale sella Marina Militare per circa 15.000.000 di euro, rientranti nell’accordo di programma Marina Miliatare, Autorita portuale e Comune di Brindisi, furono aspramente contestati nel recente passato dall’allora consigliere di opposizione Rossi ora Sindaco come fu contestata sempre dallo stesso la scelta dell’allora sindaca Carluccio quando rinuncio all’area ex Pol per mancanza di fondi per la realtiva bonifica del sito (un’area fondamentale e strategica per lo sviluppo urbanistico della Città) oggetto invece oggi di uno specifico intervento di bonifica e messa in sicurezza nel 2020 con 1.000.000 di euro. Il Sindaco, neo eletto Presidente della Provincia, se avesse voluto avrebbe potuto tranquillamente riaprire i termini degli accordi e dare seguito a quanto prima era oggetto di protesta tramutandolo in proposta!

Ma il Sindaco Rossi ci ha ormai abituati a frequenti inversioni a U su tematiche da sempre cavalli di battaglia quando era all’opposizione! Indubbiamente l’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale rappresenta oggi la piu importante stanzione appaltante di opere pubbliche sul territorio con quasi 160.000.000 di euro di investimenti nel triennio 2019/2021; un volano per l’economia locale fondamentale in un periodo in cui gli Enti locali hanno difficoltà ad investire risorse economiche in opere pubbliche.

Non entriamo nel merito delle scelte frutto evidentemente di studi di fattibilita ed accordi che avrebbero meritato, se ce lo avessero consentito, adeguati approfondimenti e partecipazione (termine ultimamente usato ed abusato da Rossi e co. a seconda della convenienza e della opportunita politica del momento ovvero socializzare le rogne e privatizzare le utilità) soprattutto da parte del Comune capoluogo ma che evidentemente il sindaco Rossi e la sua maggioranza hanno condiviso quando in passato contestavano!