Autismo, Conca (M5S): “A tre anni dall’approvazione del regolamento regionale sulla rete assistenziale, niente è stato fatto”

0
7

“A quasi tre anni dall’approvazione del regolamento regionale sulla Rete Assistenziale per l’autismo siamo ancora a un nulla di fatto. Circa 4mila bambini affetti da disturbi dello spettro autistico non riescono ad essere presi in carico da un sistema sanitario regionale che esiste solo sulla carta”. Lo dichiara il consigliere del M5S Mario Conca all’indomani della Giornata Mondiale della Consapevolezza sull’Autismo.

“Mentre Emiliano continua a tagliare nastri in giro per la Puglia – continua Conca – i centri territoriali per l’autismo (CAT) sono carenti di personale e non riescono a erogare prestazioni sanitarie in tempi utili, con attese medie per una prima visita neuropsichiatrica che vanno dai 4 ai 10 mesi, e l’impossibilità di svolgere l’importantissima attività riabilitativa.

I dipartimenti di salute mentale non riescono a verificare l’operato del privato convenzionato e delle associazioni che praticano il metodo Aba, senza riuscire ad evadere tutte le richieste e necessità. Soprattutto si continua ad alimentare la mobilità passiva con un aggravio di costi sociali per le famiglie. Siamo in attesa della realizzazione degli oltre cinquanta moduli, tra ambulatoriali, semiresidenziali e residenziali, che sono stati assegnati un anno fa a privati ma che ancora non esistono perché bisogna perfezionare l’iter di accreditamento.

Una burocrazia lentissima – conclude il pentastellato – che assieme all’immobilismo della Regione getta nella disperazione migliaia di famiglie pugliesi”