Aggrediti nel dormitorio, immigrato manda due agenti della Polizia Locale in ospedale

0
29

Due agenti della Polizia Locale di Brindisi sono stati vittime di aggressione all’interno del dormitorio di via Provinciale San Vito a Brindisi.
L’episodio si è verificato intorno alle 8 di questa mattina, sabato 13 aprile 2019, durante uno dei controlli che, i vigili urbani, su disposizioni del sindaco Riccardo Rossi e su incarichi affidati dal Comandante Antonio Orefice, effettuano per verificare i
l rispetto dell’ordinanza che prevede la chiusura della struttura durante le ore del giorno quando gli operai della Brindisi Multiservizi si possono dedicare ai lavori di manutenzione straordinaria richiesti dalla Asl per poi fermare la attività nel pomeriggio per fare rientrare gli ospiti. Mentre erano sul posto, un immigrato, al quale erano stati chiesti i documenti, si è scagliato contro gli agenti a calci e pugni. L’uomo faceva parte di un gruppo di persone che non volevano uscire dalla struttura, fortunatamente l’interventi di un altro agente ha permesso di fermare l’aggressione e bloccare e ammanettare l’immigrato responsabile che si è scoperto poi essere lo stesso che il mese scorso aveva aggredito il comandante della polizia locale Antonio Orefice.
Sul posto è intervenuta la Polizia di Stato, che ha portato l’immigrato in questura per identificarlo. L’accusa è per lui quella di violenza e aggressione a pubblico ufficiale per le quali è stato denunciato. Gli agenti feriti si sono recati al pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi. Hanno riportato contusioni alla spalla e alla mano, prognosi di 5 giorni.