BRINDISI – Riceviamo e pubblichiamo nota di Pino Romano sulla chiusura della stazione di Brindisi.

“La decisione di RFI di rendere ‘impresenziata’ la stazione ferroviaria della città di Brindisi è inaccettabile, in quanto non tiene in alcuna considerazione i gravissimi problemi che ancora esistono in questo territorio”. Lo afferma il Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia Pino Romano. E’ noto a tutti – aggiunge Romano – che il raccordo ferroviario che consentirà ai treni provenienti dalla zona industriale di connettersi direttamente alla rete nazionale (senza entrare e sostare nel centro abitato) è ancora in fase di costruzione. Quindi è impensabile che i treni con carri che trasportano gas ed altre sostanze pericolose sostino per ore nella stazione centrale senza il controllo diretto di capistazione e di operatori. Tutto questo è stato deciso, peraltro, senza consultare e informare nessuno. Un motivo in più perché la decisione venga immediatamente riconsiderata”.