Latiano, ‘La radio nella rete’. Giorgio Zanchini e il suo libro alla Taberna Libraria

0
45

Un mezzo resistente e persino il più adatto all’età dei social media, con questa definizione Giorgio Zanchini (a lato con Nico Lorusso in una foto di Giandomenico Prudente), giornalista Rai e Speaker Radiofonico di Radio-RaiUno descrive il mass media più longevo e affascinante, appunto la radio, protagonista del suo nuovo libro dal titolo “La radio nella rete” che ha presentato e descritto nel corso di un nuovo appuntamento con la rassegna letteraria “Cultura, Spettacolo e …” della Taberna Libraria di Latiano, svoltosi ieri, venerdì 23 novembre 2018 nei locali del noto contenitore culturale, dove il giornalista romano è tornato due anni dopo l’assegnazione del “Premio alla Cultura Città di Latiano 2016 – Sezione Nazionale”
Un momento culturale significativo, con una numerosa platea composta da tanti giovani. Un momento decisamente rappresentativo tra quelli rientranti nei festeggiamenti del decennale di Taberna Libraria, organizzati, con la collaborazione di importanti partner come BCC di Erchie, Centro Studi Meridiana e De Vivo Home Design di Latiano. “La Radio nella Rete – La conversazione e l’arte dell’ascolto nel tempo della disattenzione” è diventata lo spunto per una conversazione condotta dal giornalista Raffaele Romano partendo dall’attualità di un mezzo di comunicazione che pur affonda le radici nel periodo più lontano del secolo scorso appare particolarmente consono all’ecosistema internet.
Un mezzo che quindi se la cava ma che deve fare anche i conti con la rivoluzione digitale, con gli ascoltatori investiti dalle informazioni a ciclo continuo dall’influenza dei social network, le edizioni straordinarie delle informazioni apprese dalla rete o lette sugli smartphone.
Agile, elastica, economica e assai più semplice di altri media, la radio è per sua natura multimediale, partecipativa, relazionale. La sua vera forza deriva dal suo nucleo, il suo cuore, ciò che la definisce e distingue: la parola e l’ascolto, la voce e l’udito.