Cgil, Assemblea regionale sulla situazione dei lavoratori in Puglia, confermati gli stati di agitazione

0
11

Si è svolta presso la sede della Regione Puglia di Brindisi una partecipatissima assemblea unitaria del personale indetta dalle segreterie FP CGIL, CISL FP e UIL FLP alla presenza del Segretario Generale FP CGIL Puglia Biagio Dalberto, la Segreteria regionale CISL FP e UIL FLP, la segreteria territoriale FP CGIL di Brindisi, i segretarti aziendali CGIL, CISL e UIL Regione Puglia.
I numerosi interventi hanno evidenziato lo stato di abbandono in cui versano gli Uffici periferici della Regione Puglia i cui vertici politici dopo aver promesso, in campagna elettorale, la valorizzazione dei territori hanno mancato inesorabilmente le promesse.
Il c.d. Modello “ambidestro” di riorganizzazione Maia ignorando le periferie continua a mortificare e umiliare la professionalità dei dipendenti e a privare il territorio di importanti servizi.
I cittadini e le imprese sono costretti a rivolgersi alla sede centrale di Bari per il disbrigo delle più elementari procedure e istanze.
La situazione si è ulteriormente complicata in seguito all’entrata in vigore della Legge Delrio che ha visto il passaggio di importanti funzioni in capo alle Regioni (polizia provinciale, musei, biblioteche e pinacoteche, turismo, politiche del lavoro, centri per l’impiego) che non sono state prese in carica con la dovuta attenzione e perizia.
Si tratta di personale che a distanza di anni dal passaggio alla Regione continua a vivere situazioni lavorative paradossali e assurde sia nello svolgimento delle funzioni sia dal punto di vista logistico .
L’isolamento del personale delle sedi periferiche attiene anche la mancanza di formazione e di informazione con conseguente limitazione dell’autonomia decisionale.
Il progressivo, lento processo di esternalizzazione di servizi con il proliferare di Agenzie regionali che erodono competenze a partire dalle sedi periferiche completa il quadro della situazione.
Le OO.SS. e il personale non sono più disposti a subire questo processo di lento e costante declino.
Pertanto nel confermare lo stato di agitazione del personale già proclamato, preannunciano ogni iniziativa utile a tutela del personale e del territorio.

La Segreterie Territoriale
Patrizia Stella