Birgitta (Pri): “Comune di Brindisi sempre più simile al Titanic“

Riceviamo e pubblica una nota della Segreteria Cittadina del PRI sulla situazione politica ed amministrativa della città di Brindisi.

0
17

La Segreteria Cittadina ed il Gruppo consiliare del PRI si sono riuniti per una disamina degli argomenti iscritti allordine del giorno del Consiglio Comunale che tornerà a riunirsi il 29 luglio in prima battuta ed il 31 luglio in seduta di seconda convocazione.

Già la circostanza che si è ritenuto necessario prevedere una seduta di seconda convocazione lascia intendere quali difficoltà attraversa la maggioranza che sostiene la Giunta ROSSI.

Ma ciò che lascia più sconcertati è il tenore degli argomenti posti in discussione: ancora una volta solo ed esclusivamente riconoscimenti di debiti fuori bilancio !

Tra laltro non figura tra gli argomenti da trattare la delibera sugli equilibri di bilancio per la quale, evidentemente e come già avvenuto per il bilancio di previsione, si attende la diffida del Prefetto prima di procedere.

Insomma, un espediente tra i più consumati, quello del paventato rischio di scioglimento anticipato dellAssise Cittadina laddove non venisse approvato latto deliberativo, per convincere i sempre più riottosi Consiglieri di maggioranza a dare il loro voto favorevole!

Nessuna traccia della nuova pagina di storia che si era promesso di scrivere!

E oramai evidente come la Giunta ROSSI navighi a vista senza avere una visione della città e del suo futuro a breve, medio e lungo periodo.

E tanto mentre gli Organi di informazione continuano a dare notizia di aziende in crisi che non corrispondono da mesi gli emolumenti spettanti ai propri dipendenti.

Una fotografia reale della economia cittadina rilancia limmagine di un intero comparto produttivo, quello impegnato nelle manutenzioni dei grandi insediamenti industriali presenti sul nostro territorio, in crisi profonda e senza alcuna prospettiva di ripresa ma anzi con il rischio concreto che la crisi possa ulteriormente aggravarsi in vista della programmata dismissione della Centrale ENEL di Cerano, che già oggi funziona a scartamento ridotto.

In attesa che lagognato nuovo modello di sviluppo prenda finalmente corpo ci si ostina caparbiamente ad opporsi a qualsiasi ipotesi di trasformazione degli impianti energetici esistenti con la previsione di una alimentazione con fonti non inquinanti, quali il gas, sicuramente meno impattanti sul piano ambientale che non il carbone.

Invece di guidare questa trasformazione, incentivando nuovi insediamenti produttivi e ipotizzando forme di riutilizzo realistico delle aree industriali dismesse, quali quelle esistenti allinterno del petrolchimico, si continuano ad inseguire progetti fantasiosi quali, ultima in ordine di tempo, la tanto decantata, anche da alcuni esponenti dellopposizione!, foresta orientale senza spiegare bene quali forme di indennizzo sarebbero previsti per i proprietari delle aree interessate e senza considerare in alcun modo tutte le forme di riutilizzo dei terreni ricompresi nel Sito di Interesse Nazionale di Brindisi pur indicate nei piani di caratterizzazione a suo tempo effettuati.

Allo stesso modo non si da lavvio in Consiglio Comunale ad una discussione sul modo più proficuo di utilizzare i fondi che saranno stanziati con il Contratto Istituzionale di Sviluppo, limitandosi a generiche dichiarazioni sugli organi di stampa circa la volontà di rigenerare le periferie e di valorizzare la costa a nord di Brindisi.

Intanto il Comune viaggia verso il dissesto finanziario come espressamente denunciato dal Responsabile della Ripartizione Bilancio.

Anche su questo versante ci si è limitati a riproporre meccanicamente ipotesi di dismissioni del patrimonio comunale già infruttuosamente esperite durante la gestione commissariale senza aver ben chiaro che nessun privato potrà mai acquistare immobili se prima non si è proceduto a definirne il loro possibile riutilizzo.

Il caso più eclatante è quello del complesso che un tempo ospitava gli Uffici Finanziari, come più volte denunciato dal Partito Repubblicano che pure si è sforzato di indicare alcune forme di valorizzazione del patrimonio comunale capaci di generare entrate.

Tanto affinché fosse chiaro a tutti che trasformare lAmministrazione Comunale in un Titanic per poi coglierne i frutti da punto di vista elettorale non appartiene al nostro modo di concepire la gestione della cosa pubblica.

Forse è arrivato il momento di fermare lorchestra e avviare una seria discussione sulla città ed il suo futuro.