BRINDISI – L’ultimo intervento di restyling del Franco Fanuzzi fu targato dall’Amministrazione Mennitti; un campo davvero degno di nota, invidiato anche dalle squadre di Serie B. Negli anni, poi, il declino dell’impianto di via Benedetto Brin, in cui le manutenzioni sono state quasi nulle. Nelle ultime due stagioni, addirittura, il campo ha retto la “carica”, oltre che delle gare interne del Brindisi, anche di quelle della Virtus Francavilla, ospitata dalla compagine biancazzurra per inagibilità dello stadio francavillese. Il punto più basso del manto erboso si raggiunge, ogni anno, con le piogge, fino ad oggi.

Al netto di ciò, infatti, l’amministrazione ha mantenuto la parola data ed il Fanuzzi si rifà il look, per un valore totale di circa 28mila euro. Il trattamento del manto erboso è quotidiano.

Per la gara interna di Coppa Italia contro il Foggia (21 agosto), lo stadio sarà in buone condizioni, ma per settembre (mese previsto per la fine delle opere), il campo sarà, finalmente, a tutti gli effetti un campo di tutto rispetto.

Tommaso Lamarina