BRINDISI – Finiscono in manette quattro soggetti per reati inerenti agli stupefacenti, uno dei quali anche per associazione a stampo mafioso, nella provincia di Brindisi. Tre di loro in carcere ed uno ai domiciliari. Tutti i soggetti, per reati commessi in diversi ambiti e non collegati tra loro.

Si tratta di Adriano Gialluisi, 35enne di San Pietro Vernotico, il quale deve espiare la pena di 6 anni, 8 mesi di reclusione in carcere, per i reati inerenti a droga commessi nell’anno 2012 nella provincia di Brindisi; Emio Longo di 44 anni di Brindisi, deve espiare una pena di 7 anni e 4 mesi di reclusione in carcere, per i reati inerenti a droga commessi tra il 2011 ed 2012;  Giovanni Nardelli, 45enne di Latiano arrestato ai domiciliari per 2 anni per ricettazione, riciclaggio e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, fatti commessi a San Vito dei Normanni, Brindisi e Spilimbergo (PN), negli anni 2002 e 2003; a Torchiarolo, invece, è stato arresto e tradotto in carcere in cui sconterà una pena di 8 anni ed 8 mesi di reclusione Salvatore Notarnicola di 38 anni, per reati inerenti gli stupefacenti ed associazione di tipo mafioso, commessi tra il 2011 ed 2013 nelle province di Brindisi e Lecce.