AttualitàTerritorio

False polizze assicurative online, interviene Adoc

Si susseguono le notizie circa truffe messe in atto in danno di migliaia di automobilisti e degli stessi operatori del settore per l’attivazione di false polizze assicurative per tramite di attività operanti prevalentemente on line. E’ il caso di una società illecita di brokeraggio con sede a Bologna attiva su internet con un sito simile a quello di una società di Brindisi di cui viene utilizzato anche il codice di iscrizione RUI ( Registro unico intermediari) per la sottoscrizione di false polizze assicurative in danno di ignari automobilisti allettati dal basso costo delle polizze e dai brevi periodi di validità. Della questione oltre ad essere stati informati, tramite esposto denuncia, gli organi inquirenti, per l’accertamento di eventuali reati, è stato interessato anche l’IVASS per le opportune azioni di vigilanza. Contratti senza copertura assicurativa espongono i cittadini, in caso di controllo o di incidente, al sequestro del veicolo, al ritiro della patente ed alla denuncia. Un fenomeno molto diffuso, oggetto in più occasioni di indagini da parte degli organi di polizia e della magistratura con provvedimenti a carico di falsi broker assicurativi ma anche degli internet service provider ed i principali motori di ricerca.

A richiedere l’assegnazione dei domini internet, per l’attivazione dei portali sui quali vendere le polizze, ignari cittadini vittime del furto di identità mentre sono quasi sempre dei prestanome ad intestarsi i recapiti telefonici utilizzati per l’assistenza clienti, per le chat wathsup e gli account di posta elettronica e delle Postepay per l’incasso dei pagamenti. Per difendersi dalle attività illecite nel settore assicurativo è bene controllare ogni informazione riportata sul sito, dai dati societari alle modalità di pagamento, dai contatti al protocollo di sicurezza “https”.

Sul portale dell’IVASS sono a disposizione il Registro degli Intermediari assicurativi, l’elenco delle Imprese Assicurative italiane ed estere, e soprattutto l’elenco dei siti internet irregolari, costantemente aggiornati

Comment here