Cronaca

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi, indagato anche Patroni Griffi

BRINDISI – Esecuzione di interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia in assenza di accertamento di conformità, in assenza di autorizzazione, lottizzazione abusiva. Sono queste le accuse, a vario titolo, per rivolte ad Ugo Patroni Griffi, presidente dell’Authority, Mario Valente, ex ufficiale della Capitaneria di Porto. Indagati il dirigente dell’Autorità Portuale di Brindisi, Francesco Di Leverano; il direttore dei lavori Cristian Casilli, e gli imprenditori Devis Rizzo e Francesco Caroli.

La Procura di Brindisi ha notificato una richiesta di proroga delle indagini preliminari, affidate al pm Raffaele Casto, al presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, e ad altre cinque persone, tra cui l’ex commissario Mario Valente, nonchè anche ufficiale della Capitaneria di porto.

Ci sono anche tecnici ed esecutori di lavori, indagati per presunte violazioni edilizie nella riqualificazione dell’area portuale di Costa Morena, a Brindisi. Gli indagati sono il dirigente dell’Autorità portuale di Brindisi, Francesco Di Leverano, il direttore dei lavori Cristian Casilli, e gli imprenditori Devis Rizzo e Francesco Caroli. Le indagini si sono concentrate sulla realizzazione del terminal passeggeri del porto di Brindisi. Nel corso dell’attività investigativa è stato ascoltato come persona informata dei fatti anche il sindaco Riccardo Rossi. È in corso di esecuzione una consulenza tecnica di parte disposta dal pm.

Comment here