Sport

Happy Casa Brindisi è pura energia, batte Milano ed è la nuova capolista del campionato

Foto Tasco

Happy Casa Brindisi dopo cinque partite lontana dal PalaPentassuglia, torna a giocarsi il primo posto in classifica tra le mura amiche contro la prima della serie, l’Ax Milano di coach Ettore Messina. Una vigilia tormentata per i pugliesi costretti a tener fuori dai giochi,oltre all’ancora fermo ai box per infortunio Harrison,  i due pilastri della squadra, Thompson e Perkins colpiti da covid assieme al coach Frank Vitucci e al Ds Giofrè. Dopo 40 minuti di gioco Brindisi batte il covid, i più forti ma supera soprattutto Milano con una prestazione di tutto cuore e conquista la vetta del basket.

Alberto Morea in veste di ‘head coach’ tiene testa alla capolista con Willis miglior realizzatore nei primi di gioco tanto da costringere la panca ospite a chiamare il primo timeout della gara sul 18-13 a 7 minuti dall’inizio del match. I padroni di casa volano sul +7, gli ospiti accelerano nel finale di periodo. Termina il primo quarto 22-17.

Willis apre il periodo,  Biligha risponde e Milano è a -3 (24-21), immediata sospensione di coach Morea. Brindisi con una gran difesa annichilisce l’attacco di Milano che soffre le giocate di Bostic e compagni  e Happy Casa vola  sul +9 (35-26). Messina non ci sta e richiama i suoi che al rientro si accendono con Rodriguez e in un amen Armani è nuovamente sul -2 (35-33). Bostic e Zanelli precisi dalla distanza chiudono il secondo periodo con sei lunghezze avanti. Si va alla pausa lunga 41-35.

Si riparte con un tiro vincente di  Gaspardo che scalda la mano anche dalla lunga per il +7, l’Olimpia ha un gioco fluido e  ad opera di Rodriguez miglior realizzatore (14 punti)  mette pressione ai locali (47-46)  che in Willis pescano la tripla  per il +4. Il solito “El chaco” dalla solita mattonella non perdona, ma dall’altra parte Udom rispedisce Milano indietro. Brindisi è pura  energia e dinamite, nel finale una magata di Visconti chiude il quarto. Termina il terzo periodo 59-50.

Nell’ultimo di gara Gaspardo e Visconti si esaltano per il +13, Milano ha una reazione d’orgoglio con Delaney e Rodriguez, timeout Happy Casa  a 7’56” dal termine (63-57). Brindisi inizia a perdere lucidità e Morea mescola le carte: fuori Bell e dentro Gaspardo. Le maglie biancoazzurre si chiudono lottando su ogni pallone, Willis organizza, Bostic corre e Gaspardo schiaccia ed è +10 Happy Casa (75-65). Ancora Rodriguez a tenere accese le speranze della sua Milano che si inchina, ancora una volta,  ad una Brindisi stellare.

Happy  Casa batte Olimpia Milano 80-71.

O.Tasso

Comment here