AttualitàPolitica

Pandemia, tesi di laurea in Comune? Consiglio Comunale approva all’unanimità: “Grazie da parte dei ragazzi”

BRINDISI – Approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dalla 5^ CCCP, relativo alla “discussione della tesi di laurea in Comune”, la cui prima firmataria è la Consigliere Lo Martire.

La pandemia ancora in corso ha cambiato non solo il nostro modo di vivere, ma ci ha privato anche di una delle gioie impareggiabili, specie per uno studente, quale la discussione di una tesi di laurea in una aula universitaria, alla presenza di parenti ed amici. Ed è proprio per questo che i componenti della 5^ CCCP del Comune, che vede come prima firmataria il Consigliere di Brindisi Popolare, Carmela Lo Martire, ha presentato l’ordine del giorno “discussione della tesi di laurea in Comune”, approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di oggi (29 aprile).

Non tutti gli studenti dispongono di un’abitazione che si presti ad ottimizzare l’esigenza di discutere la propria tesi di laurea da remoto, sia per problemi di spazio, che di connessione; c’è anche chi non dispone di dispositivi elettronici (computer, tablet, webcam) con cui sostenere il colloquio con serenità e senza difficolta.

L’ordine del giorno approvato da tutte le forze politiche di maggioranza ed opposizione darà la possibilità “ai ragazzi
di laurearsi dal vivo, insieme a parenti ed amici, sempre nel pieno rispetto delle norme anti-Covid”, considerando che “le previsioni sull’andamento della pandemia ci fanno pensare che non ci sia un ritorno a breve termine alle consuete modalità didattiche”.

Inoltre, “numerosi Comuni in Italia già dallo scorso anno si sono attrezzati per facilitare la discussione della tesi di laurea degli studenti universitari residenti nei rispettivi comuni” e “le esperienze provenienti da altri comuni stanno dimostrando la praticabilità della della discussione della tesi nel Comune di residenza nell’aula consiliare, in totale sicurezza e nel rispetto delle normative”. Sarebbe una valida alternativa da offrire ai laureandi, garantendo la solennità di un momento da celebrare degnamente per il suo grande valore, coronamento di tanti sacrifici.

Per questo, i componenti della 5^ CCCP hanno proposto all’Amministrazione di individuare “la sala consiliare da mettere a disposizione gratuitamente dei cittadini laureandi che ne fanno richiesta, per discutere la propria tesi di laurea a distanza, unitamente ad un numero ristretto di parenti e amici, ove si possano rispettare i protocolli sul distanziamento anti Covid-19, sino alla fine definitiva della pandemia; di organizzare un sistema efficiente di prenotazione web per tale servizio che consenta tempistiche idonee a garantire ii pieno rispetto dei protocolli anti Covid-19; di predisporre in tale sala, ogni strumentazione utile a garantire il sereno svolgimento della discussione, quale postazione pc, impianto audio e microfono, sedate e piani di appoggio ed eventualmente maxi schermo con proiettore”.

“Grazie a tutti da parte dei ragazzi della nostra città per il voto favorevole”, ha commentato la Lo Martire.

Tommaso Lamarina

Comment here