Confintesa Brindisi, la storia di Pasquale Magrì. Ercole Saponaro: “Licenziato dopo aver subito l’amputazione delle gambe”

Confintesa Brindisi, la storia di Pasquale Magrì. Ercole Saponaro: “Licenziato dopo aver subito l’amputazione delle gambe”

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa a firma del Segreto Generale Confintesa Brindisi Ercole Saponaro che pone l’attenzione e racconta la storia di Pasquale Magrì dipendente della STP di Brindisi. Di seguito il testo:
“Pasquale, autista della STP di Brindisi, lavoratore modello, esempio di professionalità, dedizione e presentismo.
Mai un richiamo, amato e ben voluto da tutti, un lavoratore modello da sempre e per sempre.
La vita tre anni fa mette Pasquale dinanzi alla dura realtà della Malattia dura e aggressiva che ha portato alla perdita con conseguente amputazione delle gambe.
La malattia, l’assenza da lavoro, sino alle desiderate Protesi per renderlo ancora vivo e autonomo, la richiesta di poter rientrare a lavoro, con una posizione lavorativa adatta alla sua invalidità, al suo handicap, la voglia di sentirsi vivo, operativo.
STP risponde no, non ritiene di avere posizioni per ricollocare il lavoratore, STP ritiene di aver fatto il suo dovere non licenziando Pasquale per il lungo periodo di Malattia, basta questo sono sereni con la loro coscienza e ritengono, dimostrano come Pasquale sia solo un numero di matricola, una matricola che fin quando è servita andava bene oggi diviene spazzatura.
STP SOCIETÀ PARTECIPATA DI PROPRIETÀ DI PROVINCIA DI BRINDISI E COMUNE DI BRINDISI, gestita di chi per ruolo di responsabilità si sente ormai padrone assoluto con la capacità di determinare e incidere sul futuro dei propri dipendenti, burocrati ben retribuiti che divengono deboli con i forti e forti con i deboli.
Confintesa non abbandonerà Pasquale Magrì nonostante il silenzio e la poca solidarietà dei colleghi non capendo che oggi a Pasquale domani a qualcun’altro per STP sono numeri di matricola, semplici numeri di matricola.”

 

Circa l'autore