Giornate Fai, visite esclusive per le scuole con i ciceroni del Fondo Ambiente Italiano

Giornate Fai,  visite esclusive per le scuole con i ciceroni del Fondo Ambiente Italiano

Tornano nella settimana dal 21 al 26 novembre le “Giornate FAI per le scuole”, manifestazione tutta dedicata alle scuole che da undici anni il FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano ETS organizza, su modello delle Giornate FAI di Primavera e d’Autunno, la più grande festa italiana di piazza dedicata alla promozione del patrimonio di storia, arte e natura del Paese.
Le Delegazioni di migliaia di volontari della Fondazione, diffusi e attivi in tutte le regioni, apriranno oltre cento luoghi speciali che saranno visitati da studenti iscritti al FAI con la loro classe. Le classi “Amiche FAI” saranno guidate da altri studenti, appositamente formati per l’occasione dai loro insegnanti in collaborazione con il FAI: gli Apprendisti Ciceroni. Migliaia di ragazzi saranno “Ciceroni” per un giorno: accoglieranno ragazzi come loro portandoli alla scoperta di chiese, palazzi, parchi e giardini storici, monumenti e istituzioni del loro territorio, raccontandone la storia, mostrandone i capolavori e i particolari curiosi, e trasmettendo così ai loro pari un valore, che loro per primi hanno scoperto in un’esperienza che non dimenticheranno, che li renderà cittadini più consapevoli e attivi, primi difensori e promotori del patrimonio culturale dell’Italia.
Le Giornate FAI per le scuole si confermano un’esperienza formativa di grande efficacia e soddisfazione per tutti: un progetto di educazione tra pari che insegna e che arricchisce, che trasforma e che ispira per il futuro, che rende protagonisti e che diffonde conoscenza e passione per la conoscenza, da cui scaturisce il desiderio di proteggere quel patrimonio per sempre e per tutti, come è nella missione del FAI.
Quest’anno le Giornate FAI per le scuole prevvederanno aperture speciali dedicate alla scoperta del paesaggio: un tema che sta particolarmente a cuore al FAI, che opera anche attraverso questa iniziativa per promuovere un’educazione al paesaggio, che manca in Italia, laddove è per fortuna crescente l’interesse per l’ambiente e la sua tutela. Il paesaggio è lo scenario del nostro vivere quotidiano, l’opera collettiva di generazioni passate in cui si incarnano storia e natura del nostro Paese, e un’eredità che i giovani devono conoscere e apprezzare per contribuire nel presente e nel futuro alla sua tutela, e anche alla sua consapevole trasformazione, necessaria per lo sviluppo nel quadro della transizione ecologica che oggi si impone a fronte della crisi ambientale. Se il paesaggio del passato riflette la cultura delle generazioni passate, il paesaggio del futuro sarà il riflesso della cultura delle generazioni presenti e future, che in base a essa costruiranno il paesaggio di domani.
L’undicesima edizione delle Giornate FAI per le Scuole si svolge con il Patrocinio della Commissione Europea.
Si ringraziano, inoltre, Regione Campania, Provincia Autonoma di Trento, Fondazione di Comunità Milano – Città, Sud Ovest, Sud Est, Martesana e Fondazione Caricalper i contributi concessi.
Rai è Main Media Partner dell’iniziativa.
Il progetto sarà sostenuto anche quest’anno da Agn Energia, per il settimo anno consecutivo sponsor principale dell’evento, sempre sensibile al rispetto per l’ambiente e alle iniziative che coinvolgono la scuola. In occasione dell’evento verrà infatti lanciata una nuova edizione del contest online #latuaideagreen: gli studenti potranno scegliere l’opera di street art che ritengono più significativa per riflettere sul tema del paesaggio e la sua salvaguardia.
Per informazioni sui beni aperti e per le prenotazioni delle visite consultare il sito internet www.giornatefaiperlescuole.it
BRINDISI
Brindisi, città d’acqua
L’acqua, sin dall’età romana, ha portato a ragionare su una corretta distribuzione alle diverse parti del centro abitato di Brindisi. In realtà è possibile parlare di acqua anche grazie alle importanti fontane che caratterizzano la città: dalla pregevole Fontana De Torres del XVII secolo, alla cosiddetta Fontana dell’Impero costruita negli anni ’40 del XX secolo, peraltro recentemente restaurata e riportata al suo splendore, fino ad altre illustri fontane presenti in città (come fontana Tancredi, la più antica fontana brindisina realizzata nel XII secolo dai Normanni su una preesistente struttura di epoca romana), sarà possibile tracciare i momenti salienti della storia brindisina, da sempre riconosciuta come “Porta d’Oriente”. Tale definizione spiega perché, durante la passeggiata dal centro storico al lungomare, sarà necessaria una tappa presso le colonne romane, da molti riconosciute con il termine della “Regina Viarum”, la Via Appia, realtà architettonica per eccellenza legata all’elemento “acqua”. Tutti coloro che nel corso dei secoli sono partiti dalla città alla volta di mete lontane trovarono in questo monumento un punto di riferimento fondamentale prima di lasciare il porto attraverso il celebre canale Pigonati.
Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni Liceo Classico “B. Marzolla” di Brindisi

Circa l'autore