Seleziona Pagina

Nel Chiostro del Museo Ribezzo di Brindisi Paolo Briguglia in “Un Amore”

Nel Chiostro del Museo Ribezzo di Brindisi Paolo Briguglia in “Un Amore”

Nel Chiostro del Museo “Ribezzo” di Brindisi – piazza Duomo 7, venerdì 21 giugno, alle ore 21:00, andrà in scena lo spettacolo teatrale, con nuovo allestimento, “Un Amore”, tratto dal celebre omonimo romanzo di Dino Buzzati e interpretato dall’attore Paolo Briguglia, con regia di Alessandra Pizzi.
Nell’estate dello scorso anno, Paolo Briguglia portò, al numeroso pubblico del Ribezzo, una lettura di alcune delle pagine più significative del testo di Buzzati. Il progetto ha preso nuova forma e, con la regia di Alessandra Pizzi, è diventato uno spettacolo teatrale, in cui alla straordinaria abilità attoriale di Briguglia fa da sfondo una vicenda d’Amore che oggi, come sessant’anni fa, quando Buzzati la consegno al pubblico, rimane straordinariamente attuale.
Ad interpretare sul palcoscenico l’unico scritto “erotico” dell’autore, è l’attore Paolo Briguglia, che darà corpo e voce al protagonista della storia, Antonio Dorigo, un uomo egoista, superficiale, disinteressato ad affetti sinceri e fruitore di prestazioni sessuali occasionali con ragazze molto giovani, anche minorenni. Quando Laide, una giovane ballerina di fila della Scala farà ingresso nella sua vita, Dorigo farà esperienza di un amore vero, di esemplare limpidezza, ma desinato a smarrirsi nella menzogna come in un labirinto.
Paolo Briguglia, attore eclettico dotato di grande sensibilità e intensità interpretativa, riesce a rendere nel migliore dei modi i meccanismi mentali di Antonio Dorigo. Briguglia si muove tra le contraddizioni, i dubbi, gli impeti amorosi e le paura di Dorigo, e traccia un personaggio surreale (a tratti), grottesco (come spesso l’amore rende chi soggiace), fragile (come chi non è grande come la decisione che è chiamato a prendere).
La dimensione spazio temporale entro cui i protagonisti si muovono è scandita dalla musica: la scelta della colonna sonora di dimensioni pop, nazional popolare, che rispetta l’intensa produzione musicale e cantautorale degli anni 60, ricrea quel fermento artistico e produttivo tipico di quegli anni. Anni di grande frenesia, dove la ripresa economica fa da contraltare a una borghesia bigotta che al valore umano, sostituisce pian piano il valore del denaro e della “posizione sociale”.
Lo spettacolo, inserito nella rassegna Metti un libro a teatro, è realizzato in collaborazione con il Polo BiblioMuseale di Brindisi, con lo scopo di unire interpreti di fama internazionale, i luoghi di cultura e i grandi capolavori della letteratura, per raccontare al pubblico il valore dei testi classici.
Info e prenotazione biglietto: 3279097113

Circa l'autore